Si torna a scuola, è il momento di controllare la vista

L’emergenza sanitaria indotta dal Covid-19 ha costretto molti studenti a cambiare rapidamente le proprie abitudini di formazione


Clicca su "prenota ora" per prenotare una vistia gratuita per il tuo bambino, nel giorno e nell'orario che desideri

Alla didattica in aula si è sostituita la didattica a distanza, condotta a casa attraverso il personal computer o il tablet. Una radicale variazione rispetto alle proprie principali prassi quotidiane di studio che, tra i vari aspetti di evoluzione, ne cela uno che i genitori sono spesso portati a sottovalutare, e che invece dovrebbe rappresentare una vera e propria priorità per il benessere dei propri cari: l’affaticamento della vista e i possibili disturbi che il giovane studente potrebbe avvertire a causa dell’esposizione prolungata alla luce blu dei dispositivi tecnologici.


Certo, i genitori hanno un alibi abbastanza importante. Salvo il caso in cui il piccolo non avverta dei problemi di vista e, dunque, abbia già sviluppato dei deficit, è difficile che in tenera età i suoi occhi possano subire dei danni immediati e rilevanti. Gli occhi dei bambini sono infatti in grado di adattarsi meglio dei nostri alle diverse condizioni di luce e alle diverse distanze che dovranno sopportare nel momento in cui alzeranno gli occhi dallo schermo del notebook o del tablet, per poter guardare davanti a sé.


L’utilizzo continuo dei dispositivi causa lo stress visivo


Gli occhi dei bambini e, per certi versi, soprattutto gli occhi dei bambini, che stanno iniziando prima di quanto non avessimo fatto noi a subire l’esposizione costante agli schermi digitali, sono a rischio. E il motivo è legato alla crescente fruizione degli schermi LED, con la loro luce blu che può impattare negativamente sulla salute della propria vista. Ma per quale motivo?

Anche se diverse ricerche sono ancora in corso, e dunque le conclusioni non possono che essere attualmente frammentaria, c’è concordia nel ritenere che la luce blu possa essere effettivamente molto nociva per la salute degli occhi e, in particolar modo, contribuire a determinare l’insorgenza di diversi danni, come quello sulla retina.


Soluzione per limitare lo stress visivo


Su come proteggere gli occhi dei bambini, avevamo dato qualche consiglio in questo articolo. (clicca qui). Possiamo ringraziare la natura, che fortunatamente ha fatto ben più di qualcosa: il filtro naturale presente nella retina è infatti molto efficace nell’assorbire i raggi UV, e quello sul cristallino permette invece di fronteggiare proprio la luce blu.  Tuttavia, anche il filtro del cristallino non può fare miracoli. Ed è proprio per questo motivo che, per poter scongiurare ogni rischio sulla salute dei propri occhi, le migliori case produttrici di lenti hanno iniziato a sviluppare apposite lenti digital, che permettono non solamente di filtra la luce blu, quanto anche di creare una situazione di costante relax visivo, evitando lo stress muscolare che subiscono gli occhi con una intensa attività di lettura.


Insomma, premunirsi adeguatamente attraverso un utile paio di occhiali dotato di lenti apposite, prodotte dai migliori operatori del settore, e che troverete presso l’Ottica Viewpoint, è certamente un passo fondamentale per potersi preparare alla nuova stagione formativa, che sarà sicuramente contraddistinta da periodi più o meno prolungati di utilizzo di strumenti di formazione tecnologici e informatici, e dinanzi ai quali sarebbe opportuno arrivare pronti e in grado di aiutare i propri occhi a superare qualsiasi tipo di stress visivo.

221 visualizzazioni

Contatti

Lun             Chiuso/17.00-20.00

Mar    9.30-12.30/17.00-20.00

Mer    9.30-12.30/17.00-20.00

Gio    9.30-12.30/17.00-20.00

Ven     9.30-12.30/17.00-20.00

Sab    9.30-12.30/17.00-20.00

Dom          Chiuso/Chiuso

Email. otticaviewpoint@gmail.com

Sito web. www.otticaviewpoint.com

Telefono. 0965 350758

Via Longitudinale, 47

89134 Pellaro
Reggio Calabria (RC)

© 2020 by Studio WebAlive. Proudly created with Wix.com